Home ] Farmaci ] [ Radiazioni Ionizzanti ] Più Fattori di Rischio e Radiazioni Ionizzanti  ]

 

 

 

PAURA DI GENERARE UN BIMBO MALFORMATO PER  ETA’, TAC ALLA TESTA, ANTISTAMINICI, ANTINFIAMMATORI, CORTISONICI

 

Sono una mamma di 45 anni e voglio farvi partecipi della mia esperienza, sperando che le mie parole possano servirvi a portare avanti serenamente la gravidanza.

La mancanza di informazioni e di punti di riferimento possono generare paura e portarti a volte a decisioni affrettate.

Qualche tempo fa ho vissuto un’esperienza a dir poco traumatizzante, a 42 anni ho scoperto di essere in attesa di un bimbo ed ero combattuta tra la paura che nascesse con qualche malattia genetica o dovuta a medicinali e la fede in Dio.

Da premettere che sono contro l’aborto, ma la paura è una brutta bestia che ti entra dentro ed è difficile da sradicare. Nel mio caso avevo contro oltre all’età avanzata, il fatto che di lì a poco dovevo subire un’operazione, altrimenti rischiavo di diventare strabica e di avere problemi alla testa e di conseguenza in quel periodo mi stavo preparando all’operazione. Avevo fatto in quel 1° mese una Tac alla testa e stavo prendendo antistaminici, antinfiammatori (FORMISTIN, AULIN), stavo facendo dei cicli di aerosol (con CLENIL A, LASIX FIALE, FLUIBRON) e prendevo anche cortisonici e qualche altra medicina, che potevano essere dannosi per l’embrione ed eventualmente farlo nascere con problemi di salute.    

Mi sono rivolta a diversi medici, i pareri erano diversi e mi creavano tanta confusione.

Allora ho contattato il Telefono Rosso con sede a Roma, dove ho avuto la fortuna di trovare dei medici disponibilissimi ad ascoltare i miei problemi, le mie paure. Essi mi hanno spiegato che la possibilità che il bimbo nascesse down a causa dell’età era in percentuale minima rispetto ad una donna di 20 anni, soprattutto se in famiglia non ci sono casi del genere e neanche in questo caso è detto che possa accadere che il bimbo nasca con qualche malattia genetica. Neanche poteva accadere che il bambino nascesse ammalato per le medicine che avevo preso e mi sono state date esaurienti spiegazioni.

Ascoltarli non è servito a decidere se tenere il bambino o meno, ma, cosa importantissima, a VIVERE SERENAMENTE la gravidanza, che ho portato avanti e adesso ho una meravigliosa bimba di 30 mesi che è la gioia della nostra vita. I bimbi sono un dono di Dio, teniamoli, ci ripagheranno di tutte le angosce vissute, semplicemente chiamandoci mamma!

ASCEA (SA), lì 29.06.2006                                                          

                                                                                                                             Maria Teresa Teti